martedì 13 gennaio 2015

Around the World Blog Hop: chi è Vivere a Piedi Nudi

Ho ricevuto un invito. Fa sempre piacere quando si riceve un invito, ancor di più se a farlo è una grande amica oltre che esplosiva creativa come Antonella di Blog a Cavolo che vorrebbe farmi partecipare all'Around the World Blog Hop, un'iniziativa che permette di far conoscere ai propri followers altre blogger creative oltre che un po' più di noi.  Successivamente mi ha nominata anche la bravissima Raffaella di "...di Marzapane" che ringrazio tantissimo e abbraccio!
Accetto volentieri perché noto che spesso le persone si fermano a leggere la mia insegna in bancarella e mi chiedono spiegazioni sul nome e anche su come nasce quello che faccio e poi, lo ammetto, io ad Antonella non so proprio dire di no, ecco, quindi risponderò a queste 4 domande:


Come funziona il mio processo creativo?
Non lo so bene, nasce così, forse da un tamponamento casuale dei miei neuroni. Per quanto riguarda le mie creazioni, io lavoro con materiali "di scarto", in parte dai cantieri edili che mi ritrovo in casa a causa (o grazie) a mio marito idraulico ma anche ritagli di carta da riviste e cartone da imballaggio che non so buttare via. Il più delle volte l'idea parte dal materiale: vedo quello che ho attorno e penso che potrebbe diventare qualcosa di diverso, modellando, colorando, decorando. Altre volte, invece, l'idea parte dal risultato che voglio ottenere, soprattutto quando devo invece rinnovare un angolo di casa; mi prendo tempo e penso a come fare sfruttando od elaborando quello che ho già.


A cosa sto lavorando?
In questo momento sto lavorando per migliorarmi. Nel 2014 sono cambiate diverse cose, ho migliorato il mio blog grazie al corso del Blog Lab, ho trovato la spinta per far nascere la mia produzione, dando un'impronta vera alle mie creazioni, cercando di trovare il mio stile e la mia strada e non è stata una cosa facile, lo assicuro, perché ha richiesto una buona dose di autoanalisi e una sorta di coraggio nel mostrare chi sono attraverso quello che creo. Ho iniziato a fare fiere, esposizioni creative e mercatini handmade che hanno assorbito molto tempo ma mi hanno permesso di imparare tantissimo e di avere una buona dose di soddisfazioni. Ho aperto anche il mio negozio online e mi sono iscritta ad un nuovissimo corso, la Colibrì Academy, che mi permetterà di imparare a gestire, promuovere e vendere online il mio handmade. Non conoscete la Colibrì Academy? Conoscetela!





Perché faccio quello che faccio?
Perché mi piace creare! La soddisfazione di ridare vita o trasformare le cose, i materiali, in un modo semplice che fa sgranare gli occhi e sorridere la gente quando lo vedono è la cosa più strepitosa. Poi miscelare i colori, stenderli col pennello, incollare la carta, aspirare a pieni polmoni l'odore di legno e segatura per me rimangono le cose più zen in assoluto. 
Una terapia vera e propria contro tutti i mali dell'anima.





In che modo il mio lavoro si differenzia da quello degli altri del suo genere?
Credo che ogni creativo, quando fa le cose con passione, si differenzi dagli altri perché si esprime con quello che fa, ci mette se stesso e questo fa la differenza perché ognuno di noi è un essere unico. Se quello che faccio parla di me, nel materiale, nella combinazione dei colori, nell'associazione di forme, mi differenzio dagli altri. A parte i bijoux realizzati con tubi idraulici (i tubijoux) o quelli realizzati con la minuteria da ferramenta (i brijoux) che di solito sono molto di impatto perché trasformano in prezioso dei materiali che agli occhi dei più non lo sono, i bijoux realizzati con legno di recupero, ritagli di rivista e bottoni vintage sono pezzi unici, perché nascono dalla mia scelta dell'immagine, della forma, della combinazione dei colori che sono sicura sarà sempre diversa da quello che potrebbe fare un'altra persona.






Ecco, insomma, adesso sapete qualcosa in più di cosa succede qui dentro.
I tre blog/blogger che vi voglio segnalare sono diversissime nel loro genere e tutte super-brave!


Linfa Creativa
Oltreverso
Calligraphando

14 commenti:

  1. Bello leggere un pò di te, anche io lo avevo fatto questo blog hop.
    E le tue foto sono bellissime :)
    baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Giulia! infatti volevo segnalarti ma ricordavo che avevi già partecipato. Un bacione!

      Elimina
  2. Hai ragione, la perfezione è nelle piccole cose Lallabel. Domande difficili, queste a cui non mancherò di rispondere #iosperiamochemelacavo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai dai Paola che io ho sempre voglia di leggerti!

      Elimina
  3. Io vedo che stai crescendo tantissimo e che il tuo stile sta diventando sempre più definito e sempre più tuo. Brava Laura!
    Grazie per avermi scelta, partecipo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te Giorgia, non vedo l'ora di scoprirti un pochino di più :)

      Elimina
  4. Sono troppo felice di averti nominata! Io amo quello che fai! Ho ricevuto in regalo dalla mia amica Wilma una tua creazione (che bella!). Mi piace leggerti e adesso scopro che saremo compagne di banco...cosa volere di più? Ah si, un bel caffè da prendere a casa tua...o da me quest'estate!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh si, un sogno! Un caffè lungo una vita ;)

      Elimina
  5. Complimenti !!! E' bellissimo fare quello che ci piace :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai proprio ragione! L'optimum sarebbe farlo come attività principale ma per adesso va bene così, diamo tempo al tempo :)

      Elimina
  6. E brava! Sei veramente cresciuta tantissimo e ti auguro di proseguire su questa strada e di avere ancora più soddisfazioni.

    RispondiElimina
  7. Che bello laura leggere di te e delle tue creazioni. Ti stimo molto per quello che fai e sono contenta per i tuoi successi e ti ho sempre stimata come persona, hai una grande sensibilità che esce fuori dal monitor e ti scalda il cuore ogni volta che ti leggo. Hai sempre avuto una parola gentile o un commento nel blog per tutti e la cosa che più ti contraddistingue è la grande capacità di far "comunity", l'apprezzo molto.
    Bellissima questa iniziativa e brava Antonella che ci ha fatto scoprire qualcosa in più su di te!
    Un abbraccio grande e a presto.
    Emanuela

    RispondiElimina
  8. That attitude, that expression, as if the two had just met in general, ray ban factory outlet ray ban outlet store cheap feels funny, heart pains . cheap walked back a few steps, ray ban factory store silly smile on cheap says yo, turned out ray ban outlet store to be cheap ah, coincidence ah. ray ban outlet store to be admitted to discount ray ban sunglasses the Jiangsu and Cheap University ah. cheap finally recovered, this awakened just talking to myself is cheap.

    RispondiElimina

Condividete con me le vostre impressioni lasciandomi un commento, mi farete felice!