venerdì 11 gennaio 2019

IKIGAI - La via giapponese per vivere felici


Non tutti abbiamo la fortuna o la capacità di realizzare ciò che veramente vorremmo nella vita. Non tutti riusciamo ad essere chi veramente vorremmo.
Succede così che, più o meno tardi, ci ritroviamo intrappolati in vite che non vorremmo vivere, facendo lavori che non ci piacciono, ci sentiamo inadeguati, delusi con noi stessi e, allo specchio, fatichiamo a riconoscerci.
Sono situazioni che logorano lo spirito ma anche il corpo, dapprima quasi in modo impercettibile e poi sempre più velocemente. Ma cos’è che veramente vogliamo? Cosa veramente ci piace fare e cosa siamo bravi a fare? Cosa ci rende felici?

Vi siete mai sentite così? Io ammetto di sì, soprattutto quando (perdonatemi se lo dico troppe volte), ho dovuto reinventare la mia vita e passare attraverso vari periodi difficili.
Se fossi stata in Giappone, mi avrebbero insegnato a ricercare il mio IKIGAI, una bellissima parola per identificare la ragione di esistere, la ragione di vita.



Ho letto questo libro che mi ha incantata dopo averlo visto da Lucia “Paz Garden”. L’IKIGAI può sembrare un concetto semplice ma non è affatto facile da trovare. Si trova dentro di noi ed è, sostanzialmente, la ragione più vera e profonda per cui ci alziamo al mattino, il significato della nostra vita.

L’IKIGAI si colloca nell’intersezione di quattro concetti: la nostra passione, la vocazione, la nostra professione e la nostra missione di vita. Alle spalle di questi concetti ci sono ciò in cui siamo bravi, ciò che amiamo, ciò di cui il mondo ha bisogno e ciò per cui possiamo essere pagati.
Capite quindi perché trovare il proprio IKIGAI richiede una profonda introspezione, sincerità verso se stessi e obiettività nei confronti delle proprie capacità ma delle possibilità concrete di farle fruttare. Bisogna conoscersi bene, in sostanza. Trovarlo, vuol dire essere sereni rispetto alla propria vita, sapere chi si è, cosa ci rende felici e dove si vuole andare con le proprie azioni, cosa che ci permette di reagire con serenità anche agli eventi avversi che ci capitano attorno. In sostanza, chi conosce se stesso e la propria ragione d’essere può definirsi felice!

Non solo può definirsi felice: chi lo trova, può aspirare a vivere una vita lunga se, in aggiunta, mangia in modo salutare, fa un moderato esercizio fisico, vive abbastanza all’aria aperta e si tiene sempre occupato e in continua sfida con le proprie capacità (mai adagiarsi sugli allori, insomma!). Proprio come fanno gli abitanti delle isole di Okinawa, in particolare il villaggio di Ogimi conosciuto come “il villaggio della longevità”. Io me lo immagino come in certi film e manga giapponesi, popolato da persone sagge e serene, che non perdono mai il controllo, che non sbuffano mai e che sorridono sornioni sotto a lunghi baffetti.

Una vita longeva richiede bassi livelli di stress, perché lo stress causa un invecchiamento precoce delle cellule del nostro organismo. Anche la nostra attitudine ha un effetto anti-invecchiamento: avere un atteggiamento positivo nella vita riduce infatti il livello di stress. Quindi in effetti, cercare di vivere con poco stress non dipende tanto dalle avversità che ci accadono quanto dall’atteggiamento con cui le affrontiamo, dipende, insomma, dal nostro essere positivi e dalla nostra capacità di accettare le emozioni che proviamo, anche quelle negative.  Non cercare di controllarle ma accettarle per reagire.
Ma noi non combattiamo solo contro le avversità della vita, combattiamo anche contro noi stessi o meglio contro quanto pretendiamo o ci aspettiamo da noi stessi. Ciò è dovuto anche al condizionamento esterno della società, dal confronto con gli altri.

Sembra tutto molto complicato, vero? Perché siamo abituati a vivere nell'ansia di dover fare, raggiungere obiettivi, stare al passo con gli altri e confrontarci col giudizio degli altri, sia nel lavoro che nella vita.
Invece, in definitiva, dovremmo cercare di fare il più possibile ciò che ci rende felici e badare per prima cosa a coltivare noi stessi più che a compiacere le aspettative altrui. Questo, ad esempio, è un punto molto ostico per me che tendo a sacrificare i miei desideri per accontentare gli altri.
Dovremmo anche cercare di capire qual è quel talento che ci rende unici e puntare su quello. Trovare la spinta che ci farebbe alzare ogni mattina con l'entusiasmo e la voglia di essere positivi. Per me che sto ancora trasformando la mia vita e intraprendendo un'attività creativa, tutte queste riflessioni sono faticose da un lato ma stimolanti e ricche di speranza dall'altro, perché mi fanno capire che, forse, sto trovando il mio IKIGAI in quello che faccio. Non è affatto poco!

Provate a pensare a tutto questo su due piani di lettura: la vita e il lavoro.
Se state cercando di realizzare la vostra passione e il vostro sogno, credo proprio che la ricerca dell'IKIGAI potrà esservi utile per capire quale strada volete davvero prendere, quale strada vi rende felici. Certo, non possiamo pretendere che trovare la propria strada per la felicità sia facile.







Cosa ne penso io?
Penso che l'IKIGAI sia bellissimo punto di partenza per lavorare su noi stessi e il nostro atteggiamento.

Spero che abbiate trovato qualche spunto di riflessione, se vi va di condividerlo con me nei commenti, ne sarò felicissima. Avete già trovato il vostro IKIGAI? Vi sembra una cosa sciocca? Cosa ne pensate?
Fatemi sapere!

giovedì 3 gennaio 2019

#allenalatuacreatività con Vivereapiedinudi

L'anno nuovo è appena iniziato ed ho pensato che fosse il momento perfetto per lanciare un nuovo hashtag sui social: #allenalatuacreatività

Questa è un'espressione che ho già usato in passato soprattutto in occasione dei miei workshop, dove cerco di dare degli spunti per guardarsi attorno, in casa e fuori, recuperare e usare i materiali che abbiamo a disposizione. Trasformare i materiali di recupero con fantasia e creatività può renderli preziosi!

Quello che cerco sempre di fare durante i workshop è allenare la creatività, perché quando abbiamo voglia o bisogno di creare qualcosa (che sia un bijoux o una decorazione per la casa) non sempre è necessario andare a comprare nuovi materiali ma basta guardare quello che ci circonda da una nuova prospettiva e partire da quello per creare. Ridipingere, decorare, incollare... basta poco per trasformare uno scarto in qualcosa di prezioso! É divertente e anche economico, a me mette allegria perché ci si abitua a guardarsi attorno con aria furtiva pensando a come riutilizzare questa o quella cosa e la fantasia si risveglia. Se ci pensate bene, è come quando vediamo i bambini che sono capaci di inventare storie fantastiche con due pezzetti di legno... #allenalatuacreatività e sarà magico come tornare ad avere gli occhi di un bambino!

Per esempio, avete brindato e stappato bollicine durante queste feste? Non avrete mica buttato i tappi di sughero, vero? Se li avete buttati... peccato, perché potevano diventare delle deliziose kokeshi.





Ve le ricordate? Le avevo fatte tanto tempo fa (le rivedete QUI) ma restano l'esempio perfetto di come si possa ottenere qualcosa di carino da un oggetto che sarebbe stato buttato!

Quindi vi aspetto sui social con questo hashtag, su Instagram, Facebook e il vostri blog, usatelo quando volete condividere le foto delle vostre creazioni e trasformazioni!

Non c'è bisogno di andare in palestra per allenare la creatività!

A proposito, con i tappi di sughero avevo fatto anche dei simpaticissimi guerrieri ninja... eccoli QUI!

venerdì 21 dicembre 2018

Decorare il Natale con la colla a caldo - la mia avventura con Gluey di Bosch

Ogni volta che devo usare la colla a caldo sbuffo, perché devo lavorare accanto alla presa della corrente (e, soprattutto se sto fotografando un tutorial vicino alla finestra è una tragedia), perché mi ustiono costantemente, perché mi avvolgo nel filo di colla come un baco da seta nel bozzolo.

Ma Bosch ha avuto l'idea genialata del 2018 e oltre... la Gluey, una penna incollatrice che è senza filo, maneggevole come una di quelle mega penne multicolor tanto anni '80 ma, soprattutto, che funziona con dei mini stick di colla a caldo, così è facile e veloce cambiare da un colore all'altro.

Potete capire che, quando sono stata contattata da Bosch per andare a presentare le potenzialità creative della Gluey nei Leroy Merlin di Bologna, ho saltellato come una bambina!





Due giornate: la prima al negozio Leroy Merlin Bologna Casalecchio e la seconda al Leroy Merlin Meraville, entrambe bellissime esperienze.
Ho realizzato quadretti décor, personalizzato vasetti, decorato dischi di legno, fatto tante stelline magiche!






Vi lascio qui il tutorial (solo spiegato) per realizzare questa decorazione dedicata alla neve, che unisce il fascino del legno naturale alla magia del glitter!
Talmente facile e veloce da realizzare con Gluey che potete farne una per ogni ospite, da usare come segnaposto e piccolo cadeau nella tavola delle feste!






Cosa serve:

Gluey (Bosch) e mini stick glitter argento
disco di legno
Due stelle di legno naturale
Un piccolo pom pom bianco di feltro
stampo in silicone ad alfabeto per cioccolatini
foglio di carta da forno


Come si fa:

Accendete la Gluey e caricatela con ministck di colla glitter argento. Quando sarà ben calda, riempite con attenzione gli stampini in silicone S N O W (neve!) e attendete circa un quarto d'ora che si rapprendano. Il trucco per fare lettere perfette è usare colla ben calda e riempire prima tutta la base dello stampino per poi riempire lo spessore. Mentre aspettate, procedete a realizzare le altre parti.

Usando il foglio di carta forno, disegnate con la Gluey due fiocchi di neve e lasciate raffreddare. Intanto, decorate una delle due stelle direttamente con la Gluey, a vostro piacere. io ho fatto il bordo e dei piccoli pois argento.

Quando i fiocchi di neve saranno solidificati, staccateli dalla carta forno. Incollate un fiocco alla seconda stella, usando gocce di colla a caldo sul retro e poi applicandolo alla stella.
Staccate le lettere dallo stampo. Ora potete assemblare tutto come in foto, incollando i vari elementi con la colla e la Gluey.

Ecco pronta questa decorazione naturale e brillante come la neve! Farà un figurone sulla vostra tavola o sopra alla mensola e porterà un po' di magia dell'inverno.

Io rimetto in carica le batterie della mia Gluey che le idee sono tantissime!







Nota: questo post non è stato sponsorizzato. Ho collaborato con Bosch per le presentazioni di Gluey nei negozi Leroy Merlin ma ho scritto questo post per la pura voglia di raccontare, condividere e consigliarvi un prodotto che ritengo abbia enormi potenzialità.

giovedì 29 novembre 2018

#vivereapiedinuDIY calendario dell'avvento libero

Io arrivo sempre a fare le cose all'ultimo minuto, anche voi? Se siete ritardatarie come me, non avete tempo, ma avete voglia di farvi un calendario dell'avvento che sia elegante e crei atmosfera, questo è il DIY facile e veloce che fa per voi!






Ricorda vagamente una foresta di abeti, è facilissimo da realizzare, si fa in mezz'ora, è decorativo ed ha una particolarità: è libero!
Perché è libero? Perché è senza numeri! Perché ho pensato che, per una volta, sarebbe bello svuotare la mente dai conteggi alla rovescia e sentire semplicemente l'emozione del Natale che si avvicina vedendo diminuire pian piano la foresta di carta. Riscoprire la semplicità dell'avvento, senza l'ansia dei numeri e dei giorni che passano!





Basta ritagliare dei cerchi di carta decorata (io ho usato questa bellissima da scrapbooking), ritagliare una "fetta di cerchio", sovrapporre le due estremità e fermarle con la colla a caldo.
Sotto ad ogni cono potete mettere cioccolatini, mini-pacchettini di cose da sgranocchiare davanti ad una serie TV, oppure biglietti con dediche o buoni propositi gentili per la giornata.

Solo il cono del 24 dicembre sarà più alto e quindi riconoscibile: è il giorno della Vigilia, un giorno di festa e merita una sorpresa più grande (magari anche i biglietti del cinema per il film di Natale)!





L'armonia dei colori e la semplicità della forma lo farà diventare anche una bellissima decorazione di atmosfera per la casa, soprattutto se inserirete un filo di lucine sottili. Le lucine non possono mancare, cosa ve lo dico a fare?

Cosa mettereste sotto ai vostri coni di carta? Raccontatemelo! E Buon Avvento!

venerdì 9 novembre 2018

Vivereapiedinudi a Il Mondo Creativo Craft Your Party Autunno 2018 a Bologna #WORKSHOPAPIEDINUDI

La magia del Natale e delle feste che si avvicinano, quell'atmosfera accogliente di chiacchiere e abbracci e sorrisi, lucine e profumo di cannella, creatività e cose belle in ogni angolo...Questa è l'edizione autunnale del Mondo Creativo. Non posso certo mancare e infatti #iocisono a Bologna dal 23 al 25 novembre!






Mi troverete tra gli espositori dell'area Craft Your Party, esattamente nel padiglione 26, stand B13/C14 

Non potevano mancare i WORKSHOP (segui l'ashatag #workshopapiedinudi sui social per restare sempre aggiornata) ma per questa edizione ho pensato di farvi realizzare un ciondolo in legno e carta giapponese tradizionale, proprio questo in foto!

Avrete a disposizione una forma in legno e due ritagli in carta giapponese tradizionale di altissima qualità, uno da usare durante il workshop e uno da portare a casa per realizzare poi il vostro bijoux.
Userete carta, forbici, colla, pennelli, vernice, punteruolo, carta vetrata, perline e le pinze per minuteria... quante cose da imparare!

In più, tante chiacchiere creative e consigli craft, la mia missione è allenare la vostra creatività!







Date e orari WORKSHOP

Venerdì 23 novembre dalle 15.00 alle 16.00, sala 7 
(per info e iscrizione clicca QUI)

Sabato 24 novembre dalle 10.00 alle 11.00, sala 7 
(per info e iscrizione clicca QUI)

Domenica 25 febbraio dalle 17.30 alle 18.30
(per info e iscrizione clicca QUI)

Come sempre i posti disponibili non saranno molti, perciò se volete partecipare iscrivetevi il prima possibile! 

Il workshop questa volta è accessibile esclusivamente agli adulti (sopra i 16 anni). Nel Teatro Craft, invece, farò una dimostrazione per preparare un bellissimo pacchetto con il filo di rame e tanto glitter come questa



Ma le sorprese non finiscono qui, questa edizione sarà strepitosa, ancora più ricca di artigiani e creativi, di workshop, incontri e dimostrazioni e ci sarà una novità bomba: il libro delle creative del Mondo Creativo!
Verrà presentato durante la fiera, ricco di progetti craft e... c'è anche un mio progetto!

Non perdetevi questa edizione, vi aspetto in fiera a Bologna dal 23 al 25 novembre!

venerdì 2 novembre 2018

#WORKSHOPAPIEDINUDI orecchini in cartoncino a ETSY Made in Milano

Nuovo appuntamento con un #workshopapiedinudi di cui sono felicissima!

Domenica 2 dicembre sarò a milano in via Tortona 32, presso la Torneria Tortona, per l'evento ETSY MADE IN MILANO con il workshop sugli orecchini in cartoncino!



L'evento (QUI il link all'avento facebook) è organizzato da I Beta's Family, La Rossa Nel Bosco, La Torre delle Idee e Didut Lab.
Oltre a tanti workshop ci saranno ben 120 espositori artigiani della zona, tutti anche su ETSY!



Ma torniamo al #workshopapiedinudi!

Quando?
Domenica 2 dicembre dalle 16.00 alle 18.00

Dove?
A Milano, in via Tortona 32 presso la Torneria Tortona

Cosa faremo?

Realizzeremo assieme i vostri orecchini in cartoncino pressato, colorati e leggeri, perfetti per ogni occasione (gli orecchini in foto sono esemplificativi, le carte potrebbero essere diverse)!
Avrete a disposizione carte di diverso tipo per creare il vostro paio di orecchini, potrete scoprire il segreto per renderli resistenti e rifarli a casa vostra con le vostre carte preferite per ogni occasione.
Oltre agli orecchini che realizzeremo assieme, vi porterete a casa un mini set di ritagli di carte decorative e giapponesi e la minuteria necessaria per poter creare a casa vostra un nuovo paio di orecchini.
Importante: il workshop è aperto alla partecipazione di soli adulti.

Costo: 20,00 euro (comprensivi di tutti i materiali per realizzare gli orecchini e di un mini-kit di carte e minuteria per farne un altro paio a casa vostra)


COME PARTECIPARE?

L'iscrizione è obbligatoria perché ci sono solo 12 posti.
Per iscrivervi, dovete mandare una mail a vivereapiedinudi@gmail.com ed io vi darò le informazioni per versare un acconto del 50% (pari a 10,00 euro) del costo del workshop (l'acconto è obbligatorio per poter confermare l'iscrizione e non verrà restituito in caso di mancata partecipazione)


Non perdetevi l'evento che è perfetto per imparare a fare ma anche per pensare a tutti i regali di Natale, comprando oggetti unici fatti a mano da artigiani del posto... c'è qualcosa di meglio?


E visto che si parla di ETSY, vi ricordo che sul sito ci sono anche io con mio shop LivingBarefootShop
Vi aspetto a braccia aperte!

sabato 6 ottobre 2018

Prossimi eventi ottobre 2018 - #workshopapiedinudi #mercatiniapiedinudi

Tutto accade nella prima metà di ottobre, addirittura in un'unica settimana!


#workshopapiedinudi

Venerdì 12 ottobre nuovo workshop presso il bellissimo Giardino dell'Anima a Parma, in via Saffi 13. Cosa faremo? Un ciondolo in legno decorato con carta giapponese tradizionale chiyogami di alta qualità!

Vi ho già parlato del Giardino dell'Anima e di quanto i precedenti workshop lì siano stati meravigliosi. Creare rilassa e apre la mente, per questo il connubio benessere e creatività è perfetto.

In questo workshop, potrete realizzare un bellissimo ciondolo in legno e carta giapponese e potrete decorarlo con le perline che preferite.

Il costo del workshop è di 20,00 euro  e include tutti i materiali per realizzare il ciondolo e, in più, un'altra forma di legno e una carta giapponese per realizzare un altro ciondolo a casa vostra!

I posti sono in numero limitato, info dettagliate e prenotazione (obbligatoria) presso Il giardino dell'anima a Parma in posta privata su Facebook oppure contattare Margherita al 392 6440564.


Ecco il link all'evento.







#mercatiniapiedinudi

Domenica 14 ottobre sarò a Parma al Wo.Pa. per lo Station Market dalle 10.00 alle 20.00!
Il Wo.Pa. è una bellissima ex area industriale di Parma che è stata recuperata anni fa, ora sede di mostre, eventi e concerti. La location, quindi, è al coperto... potete venire anche con la pioggia!
Oltre al market handmade e autoproduzioni ci saranno workshop e street food, insomma da non perdere!






Vi ricordo che, seguendo gli hashtag #workshopapiedinudi#mercatiniapiedinudi potrete sempre restare aggiornate sui miei prossimi eventi!