giovedì 29 gennaio 2015

DIY coffee cup & succulent moka pot - #urbanjunglebloggers plants&coffee



Nuovo appuntamento per la rubrica Urban Jungle Bloggers di Judith e Igor.

Con questo post avrete due idee DIY al prezzo di una. Pronti?
Di tazze di vario genere e dimensione usate come vasi per piantine se ne trovano davvero tante in rete. Io invece avevo una vecchia moka inutilizzata... tre piccole succulente e poca terra ed ecco che la moka prende vita. I fondi del caffè sono ottimi fertilizzanti, lo sapevate?

Io e l'idraulico siamo appassionati di caffè e di tazzine, perché la forma della tazzina influisce sul gusto del caffè. Vi state chiedendo come? Una tazzina di forma raccolta non disperde calore ed aroma e forse saprete che buona parte della percezione del gusto è data dall'olfatto. Mai sottovalutare il design!
Volevo fare una piccola coccola al mio amato idraulico servendogli un caffè romantico e personalizzato (ottimo a San Valentino!). Quando lavoravo in laboratorio, contrassegnare le provette ed i contenitori con un pennarello indelebile era un gesto quotidiano. Ho rispolverato questo ricordo e con un semplice pennarello indelebile ho personalizzato una tazzina basica.
Al primo lavaggio verrà via ma non importa... il messaggio romantico sarà arrivato e sarà da 
cancellare e riscrivere sempre diverso infinite volte, come tutte le parole che vogliamo dire alle persone che amiamo!

Soddisfatti di queste due idee? Io corro a farmi un caffè, ormai mi è venuta voglia!


This is a new day for the Urban Jungle Bloggers of Judith and Igor!
With this post you will have two DIY ideas  for the price of one. Ready?
It's very easy to see in the web cups of various kinds and sizes used as plant pots. But I had an old unused mocha ... three small succulents and little land, the mocha comes to life. The coffee ground is an excellent fertilizer, did you know?

The plumber and I are coffee and cups addicted, because the cup design affects the taste of the coffee. Are you wondering how? A tight-shaped cup does not dissipate heat and aroma, and you may know that a good part of the perception of taste is given by smell. Never underestimate the design!
I wanted to do a little cuddle for my beloved plumber serving him a romantic and personalized coffee (great for Valentine's Day!). When I was working in the lab, marking the tubes and containers with a permanent marker was a daily activity. I dusted off this memory and with a simple permanent marker I customized a basic cup.
At the first wash the decoration will come off but it does not matter ... the romantic message will come and I will change it each time I want.


Satisfied with these two ideas? I'm running to make me a coffee, now I felt like!













lunedì 26 gennaio 2015

IKEA SPRUTT (e piccola anteprima NIPPRIG)

Ogni anno aspetto il mese di febbraio perché segna l'arrivo di almeno una nuova collezione IKEA in edizione limitata.
Dopo la Brakig dello scorso anno che ha avuto un successo strepitoso anche in casa mia (vedi qui e qui), quest'anno tocca a SPRUTT, una collezione fresca e giovane che punta all'organizzazione degli spazi del bagno ma anche di tutta casa e che sta già spopolando tra le mie amiche blogger (e non) super fans di IKEA e di design svedese (Simona di "The Gi Home's Diary" ha scritto un bell'articolo con alcune foto sue originali scattate l'anno scorso proprio alla sede svedese di IKEA).
Il colore base della collezione SPRUTT è bianco, acceso dalla combinazione con colori fluo (pare che non siano ancora passati di moda).
Mobiletti, cesti, carrelli contenitivi, soluzioni per appendere. Casa mia per fortuna è abbastanza eclettica, fidatevi di me... troverò almeno un angolo in cui collocare uno di questi pezzi (a dire il vero ne avrei in mente già un paio!)
A voi piace?













Ma le novità non si fermano qui. Di design completamente diverso sarà anche la nuova collezione ad edizione limitata NIPPRIG, frutto di una collaborazione tra artigiani locali di Vietnam e Indonesia e IKEA (designer Nike Karlsson).
I pezzi della collezione sono realizzati interamente a mano dagli artigiani del posto con le tradizionali lavorazioni a intreccio di piante del posto tra cui rattan, cocco, banano, bambù e il giacinto d'acqua che cresce rigoglioso sulle sponde del fiume.
La collezione comprende sedute, contenitori, tappeti, cuscini ma anche cappelli e borse. Io ho messo l'occhio su alcuni contenitori nei colori naturale e nero, ma non solo (ovviamente)!
Avrò modo di studiare ben bene tutti i pezzi perché venerdì 30 gennaio sarò nel negozio IKEA di Parma alla presentazione (in anteprima) della collezione... non vedo l'ora e vi farò sapere!


Nota: questo post non è sponsorizzato.

giovedì 22 gennaio 2015

Pom pom paper flower ideas - Valentine table settings & garlands

Udite udite! Forse ho davvero imparato a fare i pom pom. Ricordate il fiore pom pom di carta della settimana scorsa? Avevo promesso di mostrare cosa ne avrei fatto...è stata dura fare foto decenti con i giorni freddi, uggiosi e bui che si sono susseguiti, ma almeno ho avuto questa bella fioritura a rallegrarli.

Ho fatto un festone. Ma si chiamano festoni o ghirlande? Mamma mia, sono una vera esperta di decorazione, non trovate?
Ad ogni modo li ho messi in fila e mi piacciono, mettono allegria con quel bel giallo sole e il look naturale.

Poi ne ho fatti un paio usando una piccola shopper di carta che mi piaceva molto (che mania di non buttare via niente!) e mi è venuta voglia di metterli sulla tavola apparecchiata... spiritoso ma allo stesso tempo e delicato, mi è piaciuto tantissimo.
Mi piace quando da cose semplici che molti buttano via nascono cose semplici e belle, romantiche come un fiore.

Maybe I really learned how to make pom pom. Do you remember the pom pom paper flower I did last week? I promised to show you what I would have done ... it was hard to take quite good pictures with the cold days, dreary and dark that have occurred, but at least I had this beautiful bloom to cheer them.

I made a garland. But they are called festoons or garlands? It seems I'm not a true expert of decoration, is not it?
Anyway I put them in a row and I like them, they bring joy with that beautiful sunny yellow and the natural look.

Then I made a couple using a small paper shopper that I really liked  with the idea to place them on the dinner table ... funny but delicate at the same time, I liked the table setting a lot.
I love when simple things that many throw away can create simple and beautiful things, romantic like a flower.












Il tutorial per il fiore pom pom di carta è qui 

The tutorial for the pom pom paper flower is here 

martedì 20 gennaio 2015

DIY col CACTUS #3 - Ghirlanda di succulente

Da tempo volevo riprendere la rubrica "DIY col CACTUS" ed ecco che finalmente trovo l'occasione. L'occasione è stata questa meravigliosa ghirlanda, piena di succulente dalle molteplici sfumature di verde, turchese, rosso e arancio... vi siete mai accorti di quanto colore possano portare queste piccole e cicciose piante nelle nostre case?

Questa ghirlanda è di Jaime e Jacinda di "Pretty Prudent" ed è... vivente! Infatti è realizzata con piccole talee delle succulente in modo che possano mettere radici e sopravvivere. La trovo incredibilmente bella, da appendere in casa o fuori, da appoggiare sulla tavola.
Se avete il pollice meno oscuro del mio potete provare a realizzarla seguendo il dettagliatissimo tutorial e le belle foto di Pretty Prudent. Poi fatemi sapere!


It's time to resume the heading "DIY with CACTUS". The occasion is this wonderful garland, full of succulent with multiple shades of green, turquoise, red and orange ... have you ever noticed how much color can bring these small and cute plants in our homes?
This garland is a creation of Jaime and Jacinda of "Pretty Prudent" and is ... living! It is made with small succulent cuttings so they can take root and survive. I find it incredibly beautiful, to hang in the house or outside or also to be placed on the table.
You can try to achieve it by following the very detailed tutorial and beautiful photos of Pretty Prudent. Then let me know!




venerdì 16 gennaio 2015

DIY "pom pom paper" flower - fiore pom pom con i sacchetti del pane

Diversi giorni fa mia mamma è arrivata con un pezzo di pane cotto nel forno a legna, preso in un panificio di montagna. Me lo ha portato in un sacchetto di carta così bello ai miei occhi che mi è saltata subito in testa un'idea...
Ecco l'occasione giusta per fare dei pom pom. Ok si, lo ammetto... non ho mai fatto pom pom. Ma adesso si, li ho fatti e con una forchetta.
In mente avevo solo giallo... così è nato un semplice fiore di carta e pom pom, un "pom pom paper flower".

Cosa ne farò? Per questo dovrete aspettare e rimanere sintonizzati qui!

Several days ago my mom came with a piece of bread baked taken in a mountain bakery. She brought it in a paper bag so beautiful that I immediately had an idea ...
Here is the perfect opportunity to make pom pom. Ok, I admit ... I've never done pom poms. But now, I made them with a fork.
I had only yellow in my mind ... thus was born a simple flower done with paper and pom pom, a "pom pom paper flower".

What do I do with it? You will have to wait and stay tuned here!









martedì 13 gennaio 2015

Around the World Blog Hop: chi è Vivere a Piedi Nudi

Ho ricevuto un invito. Fa sempre piacere quando si riceve un invito, ancor di più se a farlo è una grande amica oltre che esplosiva creativa come Antonella di Blog a Cavolo che vorrebbe farmi partecipare all'Around the World Blog Hop, un'iniziativa che permette di far conoscere ai propri followers altre blogger creative oltre che un po' più di noi.  
Accetto volentieri perché noto che spesso le persone si fermano a leggere la mia insegna in bancarella e mi chiedono spiegazioni sul nome e anche su come nasce quello che faccio e poi, lo ammetto, io ad Antonella non so proprio dire di no, ecco, quindi risponderò a queste 4 domande:


Come funziona il mio processo creativo?
Non lo so bene, nasce così, forse da un tamponamento casuale dei miei neuroni. Per quanto riguarda le mie creazioni, io lavoro con materiali "di scarto", in parte dai cantieri edili che mi ritrovo in casa a causa (o grazie) a mio marito idraulico ma anche ritagli di carta da riviste e cartone da imballaggio che non so buttare via. Il più delle volte l'idea parte dal materiale: vedo quello che ho attorno e penso che potrebbe diventare qualcosa di diverso, modellando, colorando, decorando. Altre volte, invece, l'idea parte dal risultato che voglio ottenere, soprattutto quando devo invece rinnovare un angolo di casa; mi prendo tempo e penso a come fare sfruttando od elaborando quello che ho già.


A cosa sto lavorando?
In questo momento sto lavorando per migliorarmi. Nel 2014 sono cambiate diverse cose, ho migliorato il mio blog grazie al corso del Blog Lab, ho trovato la spinta per far nascere la mia produzione, dando un'impronta vera alle mie creazioni, cercando di trovare il mio stile e la mia strada e non è stata una cosa facile, lo assicuro, perché ha richiesto una buona dose di autoanalisi e una sorta di coraggio nel mostrare chi sono attraverso quello che creo. Ho iniziato a fare fiere, esposizioni creative e mercatini handmade che hanno assorbito molto tempo ma mi hanno permesso di imparare tantissimo e di avere una buona dose di soddisfazioni. Ho aperto anche il mio negozio online e mi sono iscritta ad un nuovissimo corso, la Colibrì Academy, che mi permetterà di imparare a gestire, promuovere e vendere online il mio handmade. Non conoscete la Colibrì Academy? Conoscetela!




Perché faccio quello che faccio?
Perché mi piace creare! La soddisfazione di ridare vita o trasformare le cose, i materiali, in un modo semplice che fa sgranare gli occhi e sorridere la gente quando lo vedono è la cosa più strepitosa. Poi miscelare i colori, stenderli col pennello, incollare la carta, aspirare a pieni polmoni l'odore di legno e segatura per me rimangono le cose più zen in assoluto. 
Una terapia vera e propria contro tutti i mali dell'anima.




In che modo il mio lavoro si differenzia da quello degli altri del suo genere?
Credo che ogni creativo, quando fa le cose con passione, si differenzi dagli altri perché si esprime con quello che fa, ci mette se stesso e questo fa la differenza perché ognuno di noi è un essere unico. Se quello che faccio parla di me, nel materiale, nella combinazione dei colori, nell'associazione di forme, mi differenzio dagli altri. A parte i bijoux realizzati con tubi idraulici (i tubijoux) o quelli realizzati con la minuteria da ferramenta (i brijoux) che di solito sono molto di impatto perché trasformano in prezioso dei materiali che agli occhi dei più non lo sono, i bijoux realizzati con legno di recupero, ritagli di rivista e bottoni vintage sono pezzi unici, perché nascono dalla mia scelta dell'immagine, della forma, della combinazione dei colori che sono sicura sarà sempre diversa da quello che potrebbe fare un'altra persona.





Ecco, insomma, adesso sapete qualcosa in più di cosa succede qui dentro.
I tre blog/blogger che vi voglio segnalare sono diversissime nel loro genere e tutte super-brave!


Linfa Creativa
Oltreverso
Calligraphando

venerdì 9 gennaio 2015

Tu.Bi. Design per il Copper Upcycling Contest #upcopper

Quando siamo venuti a conoscenza del Copper Upcycling Contest lanciato dall'European Copper Institute, dedicato al riciclo del rame, in questa casa si è cominciato a friggere di entusiasmo. Bisognava proporre un oggetto per la casa realizzato con l'upcycling del rame, cioè trasformando materiale di recupero o diventato obsoleto in qualcosa di nuovo, pratico e/o decorativo. In pratica, il pane quotidiano di Tu.Bi. Design. Noi adoriamo letteralmente il rame, ma forse ormai lo sapete e quindi potete immaginare i neuroni dell'idraulico in un vortice di tubi e di cavi elettrici, una cosa vagamente rassomigliante a quei mutanti dei fumetti della Marvel... ma più buono, almeno!

È nata questa lampada che io adoro per il contrasto tra la bellezza della sinuosa spirale in cui gioca la luce e l'estetica industriale e lineare del corpo.

Il contest si svolge su Pinterest. Trovate la creazione dell'idraulico cliccando qui, se vi piace potete cliccare sul "mi piace" in alto a sinistra e se volete condividere ricordatevi di aggiungere gli ashtag #upcopper (quello ufficiale del contest) e #tubidesign... dopodiché avrete il nostro amore incondizionato forever and ever!

Comunque ci sono tante altre creazioni belle ed originali, le potete vedere nella board dedicata "Copper Upcycling Contest!" di Copper Mania, il profilo Pinterest dell'European Copper Institute.






Cliccando qui trovate la lampada nella board Pinterest dedicata al contest e se vi piace potete cliccare "mi piace" in alto a sinistra!

Vi ricordo che, anche se per ora abbiamo preso una pausa dai mercatini, potete trovare Tu.Bi. Design nel negozio ETSY o sulla pagina facebook e potete mandargli un messaggio su facebook o scrivere una mail a tubidesigndaidraulici@gmail.com se vi interessa qualcosa che avete visto tra le sue foto o se avete un desiderio per una lampada o un orologio personalizzato.