martedì 21 giugno 2016

Summer Gift Party 2016 - lo swap pic-nic estivo in bicicletta!

Oggi è il giorno del #summergiftparty di Antonella "Blog a Cavolo" e Lisa "Piccole Cose Handmade" e tutte le partecipanti pubblicano il regalo ricevuto dalla loro compagna di swap.

Il tema del 2016 era "Pic Nic estivo in bicicletta", vi ricordate il vassoio-tagliere a tema cocomero che ho creato io? Lo trovate QUI.
Il mio vassoio è andato da Carla, @fragolina.di.bosco su Instagram, e da lei ho ricevuto un capiente cesto da bicicletta fatto a crochet!
Il cesto è rosso, ha bellissimi bottoni in legno ed è davvero capiente ma dato che non ho la bici l'ho attaccato al terrazzo per poterlo fotografare.








Perfetto per fuggire un pomeriggio in compagnia di un libro, un quaderno, matite colorate e un  tè freddo!




Il cesto di Carla ha suscitato curiosità anche nei due ispettori di casa, Stella e Fiona, ed ha passato a pieni voti il controllo di qualità!





Grazie Carla, è bellissimo!

Grazie Antonella "Blog a Cavolo" e Lisa "Piccole Cose Handmade" per questo party, sto già aspettando il prossimo ma intanto vi invito a cercare l'ashtag #summergiftparty per curiosare le creazioni che hanno viaggiato per l'Italia.

giovedì 16 giugno 2016

DIY col CACTUS paper edition - 6 idee DIY per realizzare cactus di carta!

Nonostante la mia insana passione per cactus e succulente, ho anche un'insana capacità di far morire qualsiasi pianta!

Quindi, dopo l'ennesima perdita e conseguente mia disperazione, ho pensato... perché non provare a realizzare qualche piantina con la carta?
Ci sono davvero molti spunti in rete ma i 6 tutorial che vi propongo mi stuzzicano parecchio e mi sembrano anche facili da realizzare: alcuni più simili ad una pianta vera e altri più allegri e colorati, possiamo scegliere quello che più si adatta a noi!




Io forse ho già scelto...




Tutorial su craftberrybush




Tutorial su: thinkmakeshareblog




Tutorial su: goodtoknow




Tutorial su: hearthandmade




tutorial su: thehousethatlarsbuilt






Non sono tutti davvero carini? 
Io vorrei relizzarne uno per usare i cactus nei set fotografici e uno invece per la casa.

Voi avete scelto il vostro?


[le altre puntate di "DIY col CACTUS" sono QUI]


mercoledì 8 giugno 2016

Due anni di esperienza in market e mercatini handmade, parte 1 - come scegliere il market giusto

Mi sono resa conto che sono già due anni che io e l'idraulico giriamo il Nord Italia con la nostra bancarella metà apiedinudi e metà tubi!

In questi due anni abbiamo frequentato sia mercatini di paese, sia festival/fiere, sia market selezionatissimi di handmade, design ed autoproduzione in location superfighe (si può dire?) passando in mezzo a molte situazioni diverse.
Ho pensato che fosse maturato il momento di mettere tutto a tua disposizione, quindi ecco una miniserie di due post con consigli pratici che arrivano da una vera esperienza sul campo (e a volte "campo" non è figurativo), spero siano di aiuto o spinta se anche tu vorresti iniziare a fare mercatini da creativa.

In questo primo post ti parlerò di come scegliere il market/mercatino giusto a cui partecipare.
Dietro alla scelta del mercatino c'è un grosso lavoro di valutazione, credimi, e pomeriggi passati a sbuffare cercando di soppesare i pro e i contro!






Come portare la tua bancarella nel posto giusto?


Ecco il mio punto di vista: esistono diversi tipi di mercatini,

a. market "fighi" (si può dire?).

Come li riconosci?
Sono molto curati dal punto di vista della location (spesso al chiuso o di interesse industriale o storico) e dell'organizzazione (sono molto attenti e pignoli e non tralasciano di comunicarti niente) e selezionano attentamente i creativi e gli artigiani che partecipano.
Trattano handmade, design, autoproduzione e spesso anche vintage, come dicevo prima selezionando attentamente i partecipanti.
Sono presenti e attivi sui canali social e online facendo buona promozione dell'evento, non tralasciano nessun aspetto, inclusa l'ottima grafica delle locandine.
Solitamente hanno un costo abbastanza elevato, anche per un solo giorno e magari per raggiungerli ti dovrai spostare (=costi aggiuntivi).

Al Festival dell'Handmade di Verona

All'East Market di Milano

A Il Mercantile di Livorno


Quando li scegli?
Dal mio punto di vista, i market "fighi" sono (quasi) sempre una scelta giusta. Il fatto che ci sia una selezione di creativi piuttosto rigida ti metterà in un contesto di qualità. La gente che verrà in visita, troverà cose originali, ben fatte, esposte in un modo curato e professionale e il contesto sarà valorizzato dalla location.
Questi sono i market in cui la gente che viene sa che troverà handmade di qualità perché attentamente selezionato e spesso viene apposta per quello, quindi viene per te! Ottima premessa per incontrare il tuo "cliente ideale".
Inoltre, se c'è stata buona promozione o se l'evento è già ben conosciuto, ci sarà anche un buon afflusso di gente.
Anche se le spese possono essere elevate, può valer la pena partecipare per "esserci" e prendere contatti, farsi vedere e conoscere anche gli altri creativi, per instaurare rapporti in vista di future collaborazioni o di scambi di informazioni. Questi market raccolgono artigiani da tutta Italia, perciò ti portano ad un livello nazionale di relazioni e contatti, un aspetto molto positivo per la tua attività e promozione.
Spesso le location sono al coperto, quindi sono eventi ottimi anche in caso di pioggia. Attenzione però, un aspetto pratico da valutare è che le grandi città (non in località vacanziere) in primavera-estate si svuotano e l'afflusso di gente potrebbe essere ridotto.

Come li trovi?
Uno dei modi migliori è seguire vari creativi che ammiri e con esperienza e vedere dove vanno, non aver paura di chiedere consigli e informazioni ma non esagerare! Chiedi il minimo indispensabile e poi rimboccati le maniche e cerca su internet le informazioni che ti servono.
Io ad esempio mi fido sempre molto del giudizio dell'amica Paola "We Make a Pair" che periodicamente pubblica una lista di market interessanti (quella aggiornata ad oggi la trovi qui)



b. mercatini belli in eventi "on the road"
Si, lo so, non è una gran definizione ma io li chiamo così!

Come li riconosci?
Sono quei mercatini inseriti nel contesto di fiere o festival abbastanza grossi, in paesi o città solitamente per strada o nei parchi.
Spesso hanno un filo conduttore che può essere diverso dall'handmade (sto pensando, per esempio, ai vari buskers festival, alle rassegne food, alle fiere che raccolgono un buon afflusso di gente)
L'organizzazione seleziona i creativi partecipanti ma a volte è necessario perdere molto tempo per avere le informazioni che servono e potrebbe esserci qualche problema.
Solitamente hanno un costo medio (ma in alcuni casi elevato)

A Dolcilandia a Parma

Al Mafà Market di San Martino Spino (MO)


Quando li scegli?
Io e l'idraulico abbiamo imparato a scegliere questi eventi quando non dobbiamo sostenere troppe spese per raggiungerli e quando hanno un contesto adatto ai prodotti che proponiamo.
Per esempio, un festival buskers o dedicato al vintage è adatto alle nostre necessità, perché se è vero che chiunque può "andare a fare un giro", più probabilmente ci andranno persone interessate o che apprezzano il recupero e la trasformazione dei materiali o degli oggetti.
Più l'evento è promosso, conosciuto e ben avviato e più richiamerà gente, aumentando così la possibilità di incontro con il tuo "cliente ideale", quindi valuta anche questo aspetto. Essendoci alla base una selezione dei creativi partecipanti, la gente saprà di trovare un "bel mercatino con cose originali" e sarà ben disposta. Anche in questo caso, la qualità del contesto potrebbe essere buona.
Ma anche una fiera apparentemente senza un contesto adatto può essere da valutare, a patto che raccolga un grande afflusso di persone. In questo caso, dovrai puntare sulla posizione in cui la tua bancarella sarà posizionata (che abbia un buon passaggio di gente per essere visibile) e al fatto che venga tanta gente, per aumentare la probabilità di incontro con i tuoi clienti.
In entrambi i casi, tieni conto che, dal momento che questi eventi si svolgono per le strade di paese, la variabile tempo è la più subdola.

Come li trovi?
Come prima, la rete di contatti ed amicizie con gli altri creativi, specie se in linea con la filosofia del tuo prodotto, è di ottimo aiuto.
In alternativa... santo Google! ;)



c. mercatini piccoli tipo sagra di paese o della parrocchia.

Come li riconosci?
Immagino non sia necessario che ti dica come riconoscerli. Io vivo in Emilia e in questa zona, d'estate, spuntano sagre di ogni tipo e genere: pesce fritto, anguria, patata (giuro!), torte di ogni tipo e vari Santi patroni... sarà sicuramente così anche nella tua regione!
Sono mercatini talmente piccoli che rischi di trovarti vicino a qualunque cosa, dal banco del formaggio a quello che vende le cose vecchie che aveva in casa (a noi è capitato anche il banco di cipolle).
Solitamente sono gratuiti o a costo molto basso, l'organizzazione è quasi nulla (spesso se ne occupano volontari del paese), quasi certamente non avrai allaccio elettrico ma una bella fetta di anguria, quella si!


A Fornovo in Fiera (Fornovo, Parma), assieme ai ragazzi del Collettivo Limitrofi

Agli Sbarchi in Piazza di Santa Maria del Piano (Parma)


Quando li scegli?
Potrebbe sembrare che io stia per dirti mai, invece non è così. Se il mercatino è proprio vicino a casa tua, se il costo è zero, se vuoi "provare per vedere com'è", se è organizzato da amici o da persone che ritieni abbiano un bel progetto da appoggiare e valorizzare... perché no?
Troverai persone di tutti i tipi che vanno a fare un giretto, quindi la probabilità di "incontro col cliente ideale" è molto... variabile!
Goditi la giornata, gustati la tua fetta di anguria (o le tue caldarroste) e non pensare troppo a come va!
Il mio consiglio però è: se vuoi emergere e farti conoscere, partecipa ogni tanto ma non puntare su questo tipo di mercatino.
(P.S. in alcune occasioni, questi mercatini si sono rivelati una scoperta vincente, è il caso degli Sbarchi in Piazza, a Santa Maria del Piano, Parma, che vedi in foto)

Come li trovi?
Se non sei già a conoscenza di mercatini o sagre nella tua zona, puoi telefonare all'ufficio turistico del comune e chiedere chi devi contattare per avere informazioni sui mercatini handmade.


Questo lunghissimo post ti è stato di aiuto per sciogliere qualche dubbio? 
Spero davvero di si!

Ti aspetto la prossima settimana con la seconda parte, dedicata ai consigli pratici per organizzare la tua bancarella!




sabato 4 giugno 2016

"Che mese, che barba!" - maggio 2016 Guns&Roses

C'è stato un problema...
avevo preparato tutto e poi l'idraulico si è ammalato. Diciamo che la sua faccia decisamente non era  presentabile, perciò l'appuntamento di maggio è slittato ai primi di giugno (ma voi fate finta di niente, ssshhh, mi raccomando!).

Bene, detto questo aaahhhhh che bello maggio! Ad inizio mese ho rivelato alla mia amica Serena "Cappello a Bombetta" quale sarebbe stato il tema di questa puntata:
Io (tutta esaltata) "per maggio il tema sarà Guns&Roses!"
Bombetta (sgranando gli occhi e ridendo) "ma... ma perché?"
Io "come perché? Ovvio, perché maggio è il mese delle rose, no?"
Bombetta (col tono che si usa con i matti) "Aaaahhhh... eh già, in effetti..."


A voi, Guns&Roses beard!







E per il mese di giugno ho in mente una cosa... chissà se riesco a metterla in pratica? 
prometto però che sarà online per tempo!

Le altre puntate della rubrica "che mese, che barba!" sono QUI.

giovedì 2 giugno 2016

Summer Gift Party 2016 - Vassoio Fresh Sandia handmade

Anche quest'anno ho aderito davvero volentieri al Summer Gift Party delle due care amiche Antonella "Blog a Cavolo" e Lisa "Piccole Cose Handmade".

Il tema del 2016 è "Pic Nic estivo in bicicletta"... uhm... ma io non ho la bicicletta. Fa niente, adoro i pic nic e questo basta.

Ho pensato a qualcosa che potesse essere infilato nel cesto della bici e che fosse utile durante un picnic... per esempio, voi non avete sempre il panico che i bicchieri si rovescino sulla tovaglia, così in bilico tra erba, sassolini e rametti?
Poi ho pensato... ma qual è uno dei sapori dell'estate?

Ecco allora che nasce un vassoietto che ricorda il frutto più estivo in assoluto: il cocomero!





Comodo ma robusto, in legno di albero della gomma (l'ho realizzato modificando un tagliere MAGASIN di IKEA), massiccio e non trattato, con due bei manici in legno dipinti come fette di cocomero!





E c'è anche la scritta "fresh" pirografata (da me, ovviamente) nel legno.

Sapete perché l'ho chiamato "Fresh sandia"? Perché Sandia vuol dire cocomero in spagnolo!





Cosa dite, vi è piaciuto il mio contributo per il #summergiftparty?

Io vi aspetto il 21 giugno, qui, per farvi scoprire cosa avrò ricevuto dalla mia compagna di swap, nel frattempo potete seguire tutto sui social attraverso l'ashtag #summergiftparty!

martedì 17 maggio 2016

Blogger contest Viridea, voti la mia ghirlanda gialla?

Hey tutti!

Vi ricordate del bloggerday Viridea che vi raccontavo qui?

Da oggi fino al 31 maggio, sulla pagina facebook di Viridea si apre il contest, verrà pubblicata una gallery con le foto delle ghirlande realizzate dalle blogger durante il bloggerday, voi sarete chiamati a votare la foto che più vi piace cliccando, appunto, mi piace.





La foto che otterrà più voti vincerà e la blogger potrà collaborare con Viridea per organizzare un corso in uno dei punti vendita... votate quello che preferite però sappiate che la mia ghirlanda è l'unica gialla... la votate?

Se volete votare la mia foto, cliccate qui e mettete "mi piace"!






Ecco la foto che partecipa al contest... quella qui sotto!



dai votatemi!!!

Se volete votare la mia foto, cliccate qui e mettete "mi piace"... Grazie!



venerdì 13 maggio 2016

Blogger Day Viridea e la ghirlanda di rose gialle

Se mi seguite sui social saprete che venerdì scorso sono stata al garden center Viridea di Milano Rho, che è anche il più grande tra i Viridea. In effetti per me è uno spettacolo, ci vivrei dentro.

Come lo scorso anno, sono stata invitata assieme ad una schiera di bravissime blogger per una giornata immersa nel verde e per partecipare ad un workshop tenuto da Simonetta Chiarugi di About Garden (nientepopodimenoche... emozione!)

Con me c'erano le amiche Cappello a Bombetta e Gucki, e le nuove bellissime conoscenze BlossomzineGiardinoteSylvia DIYBroccoli and the cityThe Marthy’s Vintage Garden.

in alto a sinistra Sylvia DIY e in basso a destra Cappello a Bombetta


Il workshop con Simonetta è stato fantastico: non avevo mai provato a realizzare una ghirlanda con i fiori e mettermi alla prova mi piace sempre.

Simonetta mentre realizza la sua ghirlanda di lisianthus


Per la ghirlanda abbiamo potuto scegliere tra rose, lisianthus e piante aromatiche (combinazione fantastica, vero?), con l'unica accortezza di scegliere delle aromatiche dalle foglie abbastanza strutturate, in modo che la ghirlanda non perda troppo presto la sua freschezza una volta recisi i rami.

Io che vado sempre controvento, mi sono buttata sulle mie preferite, le rose gialle (accorgendomi poi di essere stata l'unica!) e come aromatiche ho scelto mirto (più scuro) e helichrysum (di un delicato verde quasi grigio)



Serena (Cappello a Bombetta) e Alessandra (Gucky) mentre lavorano alle loro ghirlande!


La bellissima ghirlanda di Simonetta e il suo nuovo libro (lo voglio!)

Ma non è splendida Serena con la sua spinosa???

Eccoci tutte con le nostre ghirlande! (foto di Francesca Rinaldi)



E adesso un appello! 

Vi aspetto martedì 17 maggio sulla pagina facebook di Viridea si aprirà un contest, verrà pubblicata una gallery con le foto delle ghirlande realizzate dalle blogger durante il bloggerday, voi sarete chiamati a votare la foto che più vi piace cliccando, appunto, mi piace.
La foto che otterrà più voti vincerà e la blogger potrà collaborare con Viridea per organizzare un corso in uno dei punti vendita... votate quello che preferite però sappiate che la mia ghirlanda è l'unica gialla! :P