venerdì 11 aprile 2014

La terapia del creativo - Creating is a therapy

L'altro giorno ho letto questo meraviglioso e poetico post della mia cara amica Antonella di "Blog a Cavolo" e, come sempre quando la leggo, ho sorriso per la sua energia, il suo carattere e per la grande verità nascosta tra le sue parole: creare è terapeutico.
Io e Antonella ci conosciamo ed entrambe abbiamo sempre sostenuto questa cosa. Parlo di quei momenti difficili, complicati, in cui gli eventi o i pensieri ci avvinghiano e ci trascinano nel fango, quando non stiamo bene con noi stesse, quando siamo inquiete o quando ci sentiamo sopraffatte dalle preoccupazioni della vita...
Ecco, è allora che chi con chiodi e martello come Antonella, chi con colori, carta e quello che capita come me, chi con uova, farina e zucchero o con quello che vi pare entriamo nel nostro mondo e troviamo la soluzione.

Lei, con la sua energia ed entusiasmo, martella, inchioda, leviga durante la notte e può capitare che da un triste pallet ricavi pura poesia.
Io invece, più pacata e riflessiva, con colla, colori carta e pennelli recupero e trasformo oggetti... questa è la mia terapia.

Succede lo stesso anche a voi?

The other day I read this wonderful and poetic post of my dear friend Antonella "Blog a Cavolo"and, as always when I read her posts, I smiled for her energy, her character and to the great truth hidden in his words : creating is a therapy.
Antonella and I we both know and have always supported this. I'm talking about those times difficult, complicated, in which the events or thoughts cling and drag us through the mud, when we are not comfortable with ourselves, when we are troubled or when we feel overwhelmed by life's worries ...
Here, then, someone with a hammer and nails like Antonella, someone with colors, paper, glue like me, someone with eggs, flour and sugar... we will enter our world and find the solution.

Antonella, with her energy and enthusiasm, hammers , nails , smoothes over night and it may happen that a sad pallet revenues pure poetry .
I, however , more sober and reflective , with glue, paper and brushes upcycling and transforming objects ... this is my therapy.

Does the same thing happens to you?



"CREATING IS A THERAPY"
Vivere a Piedi Nudi




Potrete trovare questo legno recuperato al Festival dell'Handmade,Verona 26-27 aprile 2014.

32 commenti:

  1. Questa è pura saggezza e verità ... e io lo so bene!

    RispondiElimina
  2. ^_^ mi hai emozionato! Irruente come sono io ho bisogno di martellare, inchiodare, destrutturare oggetti. Trovare la propria strada (creativa e non) è come trovare per caso il capo del filo di Arianna. Ognuno ha la propria tela che deve disfare e rifare perchè solo così si può dire di aver vissuto appieno questa vita che ci è toccata. (ora ti abbraccio veloce...devo rifinire i mini cachepot che faranno da segnaposto!)

    RispondiElimina
  3. E' proprio vero, e me ne rendo conto quando a volte dopo ore mi "risveglio" e mi accorgo che ero immersa in un altro mondo, pieno di relax e creatività. Creare ti fa dimenticare tutto per un po' e quasi neanche te ne accorgi... di stare così bene!

    RispondiElimina
  4. E' proprio vero! Se poi le preoccupazioni consentono di creare meraviglie come le tue e quelle di Antonella, quasi quasi è meglio essere sempre preoccupati!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poi ho scoperto che se una vera diva del fai-da-te, altro che! Grazie mille Annalisa, presto ci vedremo!

      Elimina
  5. assolutamente d'accordo con te e con voi! ...e da un po' sto contagiando questa convinzione, facendo incontri creativi due volte al mese con donne che hanno un trascorso, e alcune un presente, di malattia e sperimento ogni volta che quello che fa bene a me fa bene anche a loro :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stai realizzando un progetto meraviglioso Claudia, complimenti!

      Elimina
  6. Ebbene si, anche io sono di quelle che più sta male e più crea. Nello specifico più il mio umore è nero e più le mie creazioni diventano tenere. Alla fine è la grande fortuna di noi crafter, abbiamo questa meravigliosa valvola di sfogo. Spero di vederti nel mio blog, ti aspetto! Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una sorta di legge di compensazione la tua. Vengo a trovarti molto volentieri.

      Elimina
  7. E' bellissimo Laura!!! E' delicato e energetico nello stesso tempo, mi piace un sacco! Brava, brava, brava!!

    RispondiElimina
  8. Non posso che unirmi al coro.
    P.S: bellissimo il legno recuperato!

    RispondiElimina
  9. Stupendo, poetico e dolce come te!

    RispondiElimina
  10. Perfettamente d'accordo e bravissime entrambe!

    RispondiElimina
  11. Avete ragione...creare è terapeutico e condividere questa passione sui nostri blog, è più economico di uno psichiatra *_^
    Un abbraccio ad entrambe ragazze, siete bravissime!
    Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione Emanuela, a me il blog ha fatto (e fa ancora) questo effetto. Un abbraccio a te!

      Elimina
  12. Concordo in pieno !! Ed il risultato poi è fantastico! Bravissime!

    RispondiElimina
  13. è proprio vero , il peccato è solo di non riuscire a stare dietro a tutto e ritagliarsi del tempo con la famiglia è difficilissimo!
    ho cambiato nome al blog e di conseguenza indirizzo da: il mondo di gloria (ilmondodigloriacreativitaealtro.blogspot.it) a about me (aboutmegloria.blogspot.it) così puoi cambiare l'indirizzo se ti va di seguirmi!
    grazie
    gloria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gloria, ma certo modifico il tutto!

      Elimina

Condividete con me le vostre impressioni lasciandomi un commento, mi farete felice!