giovedì 19 ottobre 2017

Torno a raccontarmi. Non è una promessa, è un impegno.

Prima di scrivere questo post ci ho riflettuto parecchio e ho passato qualche minuto scorrendo la home del blog per guardarla "da fuori" e capire che aria si respirasse.
Ho trovato quello che sospettavo e sapevo dentro di me... poca spontaneità (e poco contenuto).
Ho una confessione da fare: gli ultimi 5 mesi di vita offline sono stati impegnativi, sia fisicamente che emotivamente. So che, andando avanti a leggere, non capirete molto bene dove voglio arrivare, chiedo scusa fin da ora e vi chiedo pazienza.

Io e l'idraulico, che questa estate abbiamo festeggiato 25 anni insieme, ci siamo imbarcati in un progetto davvero importante, del quale però è ancora prematuro parlare, perché alcune cose vanno coccolate nella vita privata finché non prendono la loro forma.
Si tratta di un percorso che è bellissimo ma che ci sta cambiando, mettendo alla prova, ci sta coinvolgendo in una serie di altalene emotive e, proprio per questo, sta assorbendo le mie energie.


Ho scattato questa foto la scorsa estate a Creta


Tra i due, io sono quella che, se le aprissi la testa, troveresti una miriade di rotelle e ingranaggi che girano a velocità della luce, producendo una serie infinita di "se", "ma", "forse" e ragionamenti vari. Spesso, esce del fumo da surriscaldamento e non è proprio una cosa buona!

Magari, leggendo, mi capirete perché siete così anche voi, così razionali da passare al vaglio tutti gli universi paralleli di possibilità e dubbi e così emotive da farvi travolgere dall'ansia che questi dubbi si portano dietro.

Il risultato è che pur nella felicità di aver intrapreso questo percorso, ho lasciato assorbire così tanto le mie energie che ho perso la spinta per scrivere e raccontarmi qui sul blog (il famoso blocco dello scrittore, dunque!). Non solo, non riesco a pianificare, a rispettare la scaletta e più scivolo e più mi innervosisco e mi blocco.
Lo scorso anno sono stata tra le vincitrici del concorso "A proposito di blog" (lo raccontavo qui) e avevo così tanti progetti che adesso mi sembra di aver deluso tutte le aspettative, ovviamente per prime le mie.

Poi, come spesso accade, è arrivata lei, la mia amica Anna Tulimami con questo post qui e questa frase qui

Non c’è niente in natura che fiorisce tutto l’anno, quindi non pretendere di farlo tu

There is nothing in nature that blooms all year long, so don’t expect to do so either


Ed è proprio così vero! Come scrive Anna, si tratta solo di aspettare che il bocciolo che c'è qui fiorisca di nuovo, lo farò con la serenità della consapevolezza che non devo pretendere di essere inesauribile. Si tratta di avere pazienza, di volersi bene e di aspettare.
Perché a volte ci occupiamo di tutto e di tutti e abbiamo bisogno di occuparci un po' anche di noi. Perché non siamo attaccati alla corrente e abbiamo bisogno di ricaricare le batterie.
O semplicemente,  perché alcune cose della vita sono come una ricetta di una torta buonissima in cui bisogna dosare bene gli ingredienti: hanno bisogno della giusta attenzione e cura, hanno bisogno di pazienza per lievitare nel modo giusto. Il premio sarà una torta soffice, profumata e gustosissima!
Magari anche voi vi sentite così e avete solo bisogno di metterci pazienza.


Due matti che non metteranno mai "la testa a posto"



Ecco, non posso ancora svelare cos'è questo percorso ma io ci sono, sto lavorando e mi impegno a tornare a raccontare di me e della mia vita come facevo una volta, quando Vivereapiedinudi era una seconda casa in cui incontrare le amiche per confrontarsi e scambiarsi idee.

Ci ho riflettuto tanto prima di scrivere questo post, perché mi sembrava che non avrei detto niente di utile, ma adesso sono contenta perché anche se non ho svelato molto, ho già ricominciato a raccontare di me.
Promette bene!

12 commenti:

  1. Che bello sentirti così emozionata e piena di cosechenonpuoidiremavorresti!
    Anch'io sento così il blog: una seconda casa, un posto comodo dove accoccolarsi e confidarsi con le amiche, bersi un the, scambiarsi consigli e farsi anche le prediche, se ce n'è bisogno!
    Bentornata, sarà bello leggere piano piano i tuoi racconti e quello che deciderai di svelarci... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ^_^ si! Direi che qui ultimamente le cose arrivano a ondate ed è ancora troppo difficile raccontarle perché faccio ancora troppa fatica a capirle io stessa XD
      Però sono già contenta di essere riuscita a fermarmi, riflettere ed accorgermi di quello che stavo perdendo. Grazie a te, sarà un piacere averti qui!

      Elimina
  2. Tu sei la mia amica bella... io ci sono quando sei carica e anche quando sei esaurita e ti voglio bene sempre!

    RispondiElimina
  3. Bentornata! è sempre un piacere leggerti coi tuoi tempi e soprattutto quando tu hai il piacere di scrivere :) Ho smesso di seguire quei blog che sfornano post programmati pur di mantenere una tempistica fissa di pubblicazione, trovo che perdano in spontaneità e la saggia Anna ha trovato la frase giusta al momento giusto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio così cara Claudia, non voglio mica cascarci anche io. Forse in certi momenti è inevitabile ma voglio sapere che qui dietro ci sono io e c'è una vita vera. Anna è sempre giusta al momento giusto ^_^

      Elimina
  4. Ti sei maledettamente NORMALE, ed è questo che ti rende fantastica (insieme alla tua sensibilità) ai miei occhi, in questo mondo dell' internet tutto un po' costruito. Buon tempo. Daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi emoziono nel leggere il tuo commento, grazie! Essere normali e veri è proprio quello di cui sento il bisogno!

      Elimina
  5. Tantissimi auguri per il vostro progetto importante, da come ne parli vi renderà molto felici. Ma la felicità talvolta può fare un po' paura, fare pensare tanto e far fumare il cervello. Ma è questa la strada per arrivarci. Prenditi tutto il tempo che ti serve, la felicità e i progetti nuovi vanno costruiti e coccolati. Un grande bacio schioccoso 😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio colto nel segno Ilaria, fa un po' paura e fumare tanto il cervello! Però si... il compenso spero che sia prezioso.
      Grazie mille, un bacio schioccoso anche a te! :*

      Elimina
  6. Chi ti capisce meglio di me!?! Sei (siete) fin troppo bravi. Prendetevi il vostro tempo e in bocca al lupo per tutto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Viva il lupo cara Annalisa, grazie!

      Elimina

Condividete con me le vostre impressioni lasciandomi un commento, mi farete felice!