venerdì 24 gennaio 2014

Le disavventure dei miei viaggi (a piedi nudi)

Riesco raramente a partecipare a "Il senso dei miei viaggi" di Monica di "Viaggi e baci" (vedi qui e qui) ma quando ho letto che il nuovo argomento era "Le disavventure dei miei viaggi" mi ci sono buttata a capofitto.
Chi ci conosce di persona sa che io e mio marito siamo due personaggi al limite della comicità in molte situazioni. Devo dire che, nei pochi ma intensi viaggi fatti, ci  sono capitate parecchie piccole disavventure   ma le viviamo sempre cercando di riderci sopra e diventano poi divertenti aneddoti da raccontare.
Dovevo scegliere 3 foto e 3 racconti e non è stato facile, credetemi...

1997 Argentina.
Prendiamo un piccolo aereo da Rosario a Buenos Aires dove ci aspettava la coincidenza per Iguazù in Brasile. Quando raggiungiamo l'aeroporto di Buenos Aires, imperversa un forte temporale e l'aereo comincia a girare in tondo non riuscendo ad atterrare. Finalmente atterriamo ma le partenze sono bloccate e quindi stazioniamo ben 8 ore in aeroporto. Il nostro volo accumula tanto ritardo che l'orario va a sovrapporsi con il volo successivo per la stessa destinazione.
Quando le condizioni meteo migliorano, una voce molto cordiale annuncia che uno dei due voli è stato cancellato, rimane attivo il nostro ma tutte le prenotazioni sono annullate. Di conseguenza... chi riesce a salire sull'aereo bene, chi non riesce si arrangia (l'annuncio diceva proprio così)!
Premetto che io sono sempre stata una persona rispettosissima ma mio marito ricorda ancora allibito e divertito di come mi ha visto catapultarmi fuori dalla navetta, salire sgomitando alla cieca sulle scalette ed entrare per seconda sull'aereo. Mi sono anche seduta al posto prenotato, ecco!
Non abbiamo immortalato la mia performance ma nella foto ci sono io il giorno successivo alle cascate di Iguazù.




2003 Australia.
Partiamo con la nostra auto non fuoristrada a noleggio da Uluru (Ayers Rock) alla volta di Kings Canyon, nel cuore dell'outback australiano, il deserto rosso. Dietro di noi i nostri amici che guidavano un fuoristrada anche questo a noleggio. Essendo tutti noi appassionati di fotografia, ci eravamo accordati di farci segno se per strada volevamo fermarci a fare qualche scatto e così è stato. Solo che mio marito accosta fermandosi un po' troppo fuori strada e le ruote affondano nella finissima terra rossa del deserto senza possibilità di riscatto!
Scendiamo, scaviamo tutti con le mani inginocchiati a terra, spingiamo, diamo gas ma niente, le ruote invece di riemergere affondano sempre di più.
A metà tra le imprecazioni e la disperazione, si ferma un tizio con un camioncino e un cappello da vero Aussie, che senza proferire parola apre il retro del camioncino dall'insegna "Flick" (lo ricorderemo a vita) ed estrae un cavo da traino nuovo di zecca... che l'avesse comprato apposta per noi?
In un batter d'occhio eravamo di nuovo in strada! Naturalmente noi ci siamo prostrati ai sui piedi e lui ci ha fatto un sorriso ironico, il nostro amico Flick deve conoscere bene i forestieri come noi. Come era arrivato se ne è andato (nella foto lo vedete davanti a noi quando siamo ripartiti).




2005 Italia, Sardegna.
Questa è stata in assoluto la vacanza con più disavventure del nostro repertorio, una gara dura. Siamo come sempre in campeggio con la nostra tenda e la mia macchina di allora. Siamo solo al secondo giorno di vacanza quando vedo mio marito che rientra dalla doccia del campeggio con un occhio aperto ed uno chiuso... che è successo? Qualcosa è entrato nell'occhio! Dobbiamo andare in ospedale perché è domenica e sembra che non ci sia una sola farmacia aperta. Arrivo in città, ovviamente guido io, ma dopo mezz'ora appare chiaro che sto girando in tondo a ripetizione... ma come sono messe le indicazioni per l'ospedale?
Insomma, tutto è bene quel che finisce bene e per fortuna che siamo corsi in ospedale: una scheggia di ruggine, probabilmente staccatasi dalle tubazioni della doccia, era entrata nell'occhio dell'idraulico inserendosi per bene sotto alla palpebra!







P.S. Per dovere di cronaca devo precisare che durante la stessa vacanza ci è esplosa la marmitta, si è scaricata la batteria della macchina (ben 2 volte), si è rotto il materasso gonfiabile, il marito è caduto da uno scoglio... però la Sardegna ci ha ben ripagato con le sue meraviglie!




22 commenti:

  1. ahahahahaahahh le vacanze non sarebbero divertenti senza disavventure!!!!! Io una volta ho rischiato addirittura il naufragio ^_^

    RispondiElimina
  2. Mi hai fatto ridere alle lacrime!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rido anche io ogni volta ripensandoci! :)

      Elimina
  3. Ah ah, povero idraulico! Comunque le disavventure, quando sono a lieto fine, danno quel qualcosa in più alle vacanze. Qualcosa da ricordare sorridendo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo pienamente con te, sarà per quello che ce ne capitano spesso? Forse le attiriamo ;)

      Elimina
  4. oddio, voglio venire in vacanza con voi!!!!!! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Portati un kit di sopravvivenza però! :)

      Elimina
  5. A parte che io ho paurissima dell'aereo, e quindi mi auto limito, basta viaggiare si superano, talvolta ridendo, un sacco di avventure!!!! Siiiiiiiii, viaggiareeeeeeee !!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No Ilaria! cerca di superare quella paura, è così bello in aereo, pensa che io è tanto che non ne prendo uno e ne sento proprio la mancanza!

      Elimina
  6. Ahahahahahah ... questo sembra il "colmo per un idraulico"!!!
    Dimmi ti prego che cadendo dallo scoglio non è finito sui ricci di mare :)

    PS: è sempre un piacere averti con noi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hehehe è vero, suona un po' come un colmo! Per fortuna no altrimenti l'avrei messo in punizione in tenda per il resto della vacanza! però in compenso mentre era sullo scoglio si è ustionato i piedi al sole... questi uomini!

      Elimina
  7. Divertentissime...certo che è davvero il colmo per un idraulico.

    Sei stata bravissima nel raccontare le tue avventura/ disavventure.
    Antonella

    RispondiElimina
  8. Per me la più divertente è la prima! E' successo anche a noi di doverci fare largo a gomitate in situazioni del genere!

    RispondiElimina
  9. Sei sempre spassosissima, e leggendoti ricordo la tua bellissima cadenza di voce! mi sei mancata! un bacione

    RispondiElimina
  10. Accipicchia, anche voi non scherzate! Anche a noi ne sono capitate tante che ancora a ripensarci ci facciamo delle belle risate. Mi piace l'idea di raccontarle in un post!

    RispondiElimina
  11. Veramente divertenti, quella in Sardegna poi è spassosissima.
    Certo le indicazioni stradali non sono proprio il forte in Sardegna, ci credo che hai girato in tondo per un po'.
    Ciao
    Norma

    RispondiElimina
  12. Avrei troppo voluto vedere la faccia del tipo australiano. E pure le vostre!

    RispondiElimina
  13. Oddio mi sono ammazzata dalle risate con il PS dell ultima disavventura!!!
    Parrebbe irriverente se non fosse che per fortuna la questione dell occhio si è risolta per il meglio!
    Ma anche la prima mi ha fatto tanto ridere immaginando la scena: pur essendo rispettosa e precisa anche io penso che in quel frangente avrei fatto esattamente come te: troppo forte!!

    RispondiElimina
  14. Apperò in quanto a travel-"sfighe" vi difendete bene!

    RispondiElimina
  15. chi avrà più il coraggio di andare in Sardegna??? ah ah ah !!!

    RispondiElimina

Condividete con me le vostre impressioni lasciandomi un commento, mi farete felice!