giovedì 16 ottobre 2014

Cosa ho imparato dai mercatini - una nuova rubrica

Questa estate io e l'idraulico ci siamo armati di gazebo, tavoli, cavalletti, tovaglie e abbiamo gironzolato la provincia di Parma esponendo ai mercatini dell'handmade.
La primissima volta che abbiamo esposto e venduto le nostre creazioni è stato all'edizione primaverile del "Festival dell'Handmade" a Verona.
Confesso che da persone abituate a frequentare fiere e mercati come visitatori, mettersi "dall'altra parte" è stato bello, emozionante ma anche difficile per molti versi. Come avevo scritto in questo post sulla Festa Multiculturale di Collecchio (Parma), esporre le proprie creazioni equivale quasi a mettere a nudo una parte di sè. Alcuni non la capiscono mentre altri se ne innamorano. In pratica è come lo specchio della vita stessa dove vale la regola che non si può piacere a tutti. Il fatto è che razionalmente ne sei consapevole, emotivamente un pochino meno.

La nostra bancarella alla Festa Multiculturale di Collecchio (PR) 2014


La cosa più bella che mi porto a casa dai mercatini sono gli altri creativi. Si arriva, si monta il gazebo, si predispone l'allestimento e intanto ti scambi sorrisi e sguardi e alla prima occasione parte la stretta di mano e ti racconti. Poi vai a curiosare prima che cominci ad arrivare troppa gente... e lì è come, non so, scoprire dei tesori!
Perché le persone sono come tesori, lo sapete?
Si vedono tante cose belle ma tra queste alcune si piantano nel cuore al primo sguardo vuoi per lo stile, i colori, i materiali, le lavorazioni... le creazioni parlano della persona che le fa nascere e alcune volte già attraverso di loro senti una forte affinità e che quella persona ti somiglia moltissimo.

Insomma, io questi tesori che mi si piantano nel cuore ve li voglio raccontare, sono convinta che vi innamorerete anche voi.

Così dalla prossima settimana partirà una nuova rubrica che, in nome della mia vocazione da cabarettista comico, ho chiamato : "Vieni avanti Creativo!". Ogni mese intervisterò un creativo conosciuto durante le mie esposizioni e che, per un motivo o per l'altro, mi ha conquistata.

Mano alle agende, vi aspetto perché, fidatevi di me, ne vale davvero la pena!

20 commenti:

  1. Mi piacciono queste tue emozioni sui mercatini! E vieni avanti creativo è un titolo che mi fa troppo ridere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheheh in una vita parallela sarei nata Claudio Bisio :P

      Elimina
  2. bello!! Sono davvero curiosa delle tue interviste :). Le leggerò volentieri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti aspetto allora, vale sempre la pena conoscere nuove realtà!

      Elimina
  3. ma brava Laurix, bella rubrica!!!! e bel post, molto vero!

    RispondiElimina
  4. Anche a me questo post è piaciuto molto. Condivido il tuo pensiero che mettere in mostra le proprie creazioni è come mettersi a nudo.
    Seguirò questa interessante rubrica!

    RispondiElimina
  5. ma come chiusa la stagione? non ci sarai/sarete a Verona a novembre??? io mi sono persa le scorse edizioni, spero di vederti!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo Lisa ci saremo a Verona (anche se non ho ancora detto niente :P), qui intendevo chiusa la stagione dei mercatini all'aperto, quelli estivi insomma. Abbiamo fatto una bella sfacchinata nei mesi scorsi e adesso è tempo di creare cose nuove :)
      Dai ci vediamo???

      Elimina
  6. Allora aspetto di leggere la nuova rubrica!

    RispondiElimina
  7. Non vedo l'ora di leggere la tua nuova rubrica!!!
    Mi piacerà sicuramente scoprire queste menti creative come lavorano o pensano!!

    un abbraccio
    Sara
    This is Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho sempre una "sete" tremenda di sapere e scoprire come funziona l'ispirazione e la creatività negli altri... ti aspetto allora!

      Elimina
  8. Che belle riflessioni...e bella idea la nuova rubrica!

    RispondiElimina
  9. Hai proprio ragione, da hobbista che fa mercatini confermo questa tua riflessione! Si incontrano persone molto interessanti e spesso particolarmente piacevoli :-) E' un piccolo mondo che vale la pena raccontare, seguirò con molto piacere la tua rubrica...
    Nadia

    RispondiElimina
  10. Laura Anna anche secondo me ci vuole una buona dose di coraggio per mettersi a nudo mostrando le proprie creazioni! Quello che nasce a casa nostra o nelle nostra craftroom-laboratorio, sembra avere un fascino che a volte metti in discussione quando lo rivedi sotto il sole su un tavolino nel mercatino... E lo dico da persona che ha fatto un unica esposizione di questo tipo molti anni fa :D . Bella la rubrica, non vedo l'ora :*
    Carla

    RispondiElimina

Condividete con me le vostre impressioni lasciandomi un commento, mi farete felice!